Resine ; avete mai provato ad usarle come ingrediente per i vostri cocktail?

La resina nell'uso più specifico del termine è una secrezione di idrocarburi di molte piante, in particolare di conifere. Le resine sono apprezzate per le loro proprietà chimiche e gli usi associati, come la produzione di vernici, adesivi e agenti di smaltatura alimentare. Sono anche apprezzate come un'importante fonte di materie prime per la sintesi organica, e come costituenti di incenso e profumi. Le resine vegetali hanno una storia molto lunga che è stata documentata nell'antica Grecia da Teofrasto, nell'antica Roma da Plinio il Vecchio, e soprattutto le resine note come incenso e mirra, erano apprezzate nell'antico Egitto. Si trattava di sostanze molto pregiate e richieste come l'incenso in alcuni riti religiosi. 

Ci sono molti tipi diversi di resine che si possono utilizzare:

Benzoin

Si tratta di una resina balsamica ottenuta dalla corteccia di diverse specie di alberi del genere Styrax. Il benzoino è un ingrediente comune nella produzione di incensi e nella profumeria per il suo aroma dolce simile alla vaniglia. Il benzoino è usato in cosmetica, medicina veterinaria e candele profumate. È usato come aromatizzante in bevande alcoliche e analcoliche, prodotti da forno, gomme da masticare, latticini congelati, gelatine, budini e caramelle morbide.

Link Italiano qui

Liquidambar

Conosciuta anche come gomma dolce americana. La linfa indurita, o resina di gomma, estratta dalle ferite della gomma morbida, può essere masticata come la gomma da masticare ed è stata a lungo utilizzata a questo scopo negli Stati Uniti meridionali. Amaro nel gusto, aromatico e naturale in temperatura.

Tolu Balsam

È un balsamo che proviene dal Sud America.  La resina è ancora usata in alcune formule di sciroppo per la tosse. Tuttavia, il suo uso principale nell'era moderna è in profumeria, dove è apprezzata per il suo profumo caldo, pastoso ma un po' speziato. Nei cibi, il tolu balsamo è usato per aromatizzare le gomme da masticare, i cibi e le bevande.

Mastic (Mastiha)

È una resina ottenuta dal mastice (Pistacia lentiscus). Quando viene masticata, la resina si ammorbidisce e diventa una gomma bianca brillante e opaca. Il sapore è amaro all'inizio, ma dopo un po' di masticazione rilascia un sapore rinfrescante come il pino e il cedro. Il mastice è spesso usato come spezia per il cibo. In Grecia, il mastice è usato in liquori come il Chios Mastiha. Recentemente è stata lanciata anche una bevanda dal sapore di mastice chiamata "Mast".

Link Italiano qui

Labdanum

Si tratta di una resina marrone appiccicosa ottenuta dagli arbusti Cistus ladanifer (Mediterraneo occidentale) e Cistus creticus (Mediterraneo orientale). È stata storicamente utilizzata nella medicina erboristica ed è ancora oggi utilizzata nella preparazione di alcuni profumi e vermouth. Il Labdanum resinoide ha un profumo balsamico, ambrato e muschiato.

Consigli

Le resine sono molto spesso appiccicose al tatto. Vi consigliamo di metterle in freezer prima di utilizzarle e di aspettare che si solidifichino.  In questo modo sarà più facile lavorarle, soprattutto se si decide di pestarle con un mortaio.

Se si decide di infonderle in alcolici, si consiglia di fare una cottura lenta con il roner. Non preoccupatevi se la resina non si scioglierà completamente all'interno della busta del sottovuoto. Il sapore si diffonderà comunque.

Esempio:

Benzoin Vodka

Mescolare 700gr di vodka con 70gr di zucchero e aggiungere 14gr di benzoino. Mettere il tutto in un sacchetto sottovuoto e cuocere lentamente a 50°C fino a quando la resina non si sarà sciolta (circa 2 ore e mezza).

Mastiha Tequila

Mescolare 700gr di tequila con 7gr di mastiha. Mettere il tutto in un sacchetto sottovuoto e cuocere lentamente a 40°C fino a quando la resina non si sarà sciolta (circa 2 ore).

scritto da Diego Guazzarotti